La responsabilità - Maria Marengo Coach
93
post-template-default,single,single-post,postid-93,single-format-standard,bridge-core-2.5.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

La responsabilità

Succede a tutti noi. Quante volte diamo o abbiamo dato a un altro la colpa di ciò che viviamo, delle nostre emozioni negative? A un qualcuno esterno da noi? Questo modo di fare però ci espone alla sofferenza e a un’impossibilità di azione. Uscire  dalle gabbie mentali che ci limitano e abbracciare la responsabilità è dunque il  primo e fondamentale atto trasformativo che ci meritiamo. Una strategia che apre nuove finestre su noi stessi e sulla realtà aiutandoci infine a esprimere il nostro  potenziale reale. 

Spesso nella vita viviamo esperienze nuove e a volte impegnative che ci mettono a confronto con la nostra forza e con le nostre debolezze. Sono questi eventi che ci spingono a confrontarci e a vivere con la confusione, la paura, l’incertezza, l’immobilità.

In un attimo ci accorgiamo di non sapere dove e in che direzione andare. Quali decisioni  prendere? Cosa e come scegliere? Ci lamentiamo e continuiamo a fare le stesse cose, a  ripetere gli stessi comportamenti pretendendo che la situazione cambi.

Ci blocchiamo, soffriamo, ci arrabbiamo e attribuiamo la colpa – dell’evento che si è presentato – agli altri, alla società, al destino. Se guardiamo con attenzione ribaltiamo la  responsabilità sempre all’esterno, ritenendo l’altro l’unico responsabile di quello che sta  accadendo. Assumiamo un atteggiamento di vittima innocente, impotente. Non ci  accorgiamo che così ci chiudiamo in noi stessi, non cerchiamo risposte, informazioni. È in quel momento che smettiamo di imparare, di evolvere e ci fermiamo. Con la nostra conversazione linguistica negativa, con i nostri pensieri, limitiamo la nostra capacità di  azione.

Scegliere la responsabilità per agire e trasformarci.

Acquisire l’abilità della responsabilità nell’ambito di un processo di coaching ci aiuta ad  avere consapevolezza delle nostre conversazioni, dei nostri comportamenti. È questa  capacità che ci permette di osservare la situazione da un’altra prospettiva. Agendo in  questo modo allora diviene per noi possibile andare incontro a una soluzione alternativa. A  seconda se ci consideriamo o meno parte del problema si apre o si chiude una certa  possibilità di azione. La scelta che facciamo determina se si può essere parte o meno  della soluzione.

Il coaching è un metodo che ci aiuta a vivere la svolta, il cambiamento. Grazie a  domande potenti e ai feedback ricevuti il coachee impara a riconoscere le convinzioni  che lo limitano. Il coach da questo punto di vista lo aiuta a soffermarsi sul linguaggio non  funzionale che sta adottando, sulle modalità di ragionamento che lo imbrigliano. La  persona allora impara a scoprire nuovi punti di vista e nuove strategie e modalità di  azione. Una possibilità che è infine fonte unica di trasformazione personale e a livello  collettivo.

Hai letto l’articolo sulla responsabilità? Ti potrebbe interessare anche questo.

Partecipa al corso: scopri di più.

Vuoi raggiungere i tuoi obiettivi profondi? Conoscere le tue mappe mentali e come  modificarle per potenziare la tua efficacia? Contattami per scoprire le possibilità che ho  preparato per te.

Non perdiamoci di vista: mi trovi anche sui social media come Linkedin, Facebook e Instagram. Ti aspetto!



Scrivimi qui
Come posso aiutarti?
Buongiorno,
richiedi info su corsi e consulenze